Il Generale dei Briganti

Standard

Ieri c’è stata l’ultima puntata della Fiction “Il Generale dei briganti” dedicata a Crocco, figura storica e mai tramontata della nostra Lucania.

Peccato che quello che tutti ci si aspettavano, una ricostruzione storica che tenesse presente le varie tesi del risorgimento italiano, sia stato solo un misero sfondo ad una vicenda d’amore melenso ed anonimo.
Passata l’euforia nel vedere i nostri luoghi valorizzati da una prima serata sulla rete ammiraglia e qualche concittadino ben calatosi nei panni del XIX sec. ciò che rimane è una grandissima occasione mancata.

E’ stato sprecato del tempo e del denaro per una realizzazione piuttosto approssimativa su un tratto di storia tanto importante quanto controverso. Talmente importante che in Basilicata e nel sud se ne pagano ancora le conseguenze. Veder ridotti i briganti ad un gruppo organizzato di saccheggiatori che proteggono l’incontro amoroso ora dell’uno ora dell’altro, mi ha fatto un brutto effetto. L’appiattimento storico della vicenda ha del ridicolo, considerata le innumerevoli e controverse visioni, che mi sarei aspettato avessero approfondito.
E questo al di là delle scelte sulla lingua.

Un’occasione per vedere i luoghi che bistrattiamo sempre e di cui non sappiamo goderne appieno, valorizzati. Un’occasione per renderci più consapevoli della terra “sconosciuta” nella quale siamo nati, perché forse, oggi come ieri, tocca essere un po’ briganti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...